4 buoni motivi per studiare Python

I trenta giorni di sfida sono passati e devo dire che è stata una gran bella esperienza; in questo mesetto sono riuscito ad apprezzare ancora di più alcuni aspetti interessanti del linguaggio che magari potranno far nascere anche in voi la voglia di sceglierlo come prossimo argomento di studio.

1. È estremamente facile

Lo hanno già detto in molti e posso confermarlo: imparare Python è davvero una cavolata. Avere alle spalle un solido background di programmazione agevola l'apprendimento, ma anche impararlo come primo linguaggio è davvero alla portata di tutti: pochi tipi di dato nativi (interi (int), numeri in virgola mobile (float), numeri complessi (complex), valori booleani (bool), Sequenze immutabili: stringhe (str), tuple (tuple), insiemi immutabili (frozenset) e sequenze mutabili: liste (list), dizionari (dict) insiemi (set) file (file)); lettura del codice agevolata dall'indentazione obbligatoria; rimozione di elementi quali parentesi {} e ; che alla lunga permettono di risparmiare preziosi secondi di scrittura per sessione di coding

2. Puoi sviluppare quello che ti pare

Da un programma contabile multi-piattaforma dotato di GUI fino a un'applicazione web per gestire la classifica del poker tra amici (progetto per inciso sto realizzando con un amico). Videogiochi del calibro di Battlefield 2 o The Sims 4 sono stati realizzati in parte anche in Python. La piattaforma di Youtube è partita da PHP fino ad approdare in Python.

3. Ti abitua a creare codice semplice da comprendere

Molto spesso mi sono trovato a realizzare procedure tutto sommato semplici, ma codificate in maniera così contorta che persino dopo una sola una settimana mi risultava difficile rimetterci mano. Ricominciare da zero lo studio di Python mi ha permesso di apprendere meglio le basi teoriche necessarie per giungere a soluzioni più semplici e anche eleganti. Leggere un codice ben scritto (con il supporto di una chiara documentazione) rende più efficiente la manutenzione del codice.

4. Milioni di risorse anche gratuite

Per chi vuole cominciare, le guide ufficiali su https://www.python.org/ sono più che sufficienti; le risorse migliori sono quelle in inglese, anche se ho trovato qualche interessante link in italiano che presto aggiungerò in calce molto presto. Su Youtube ho trovato un ottimo video (in inglese) adatto anche a chi non possiede competenze di programmazione.

Se avete dubbi, domande, curiosità o se desiderate scambiare quattro chiacchere su Python o IT possiamo sentirci sia su Instagram che su Telegram.