Vantaggi e svantaggi di un obiettivo a focale fissa

Un obiettivo a focale fissa (prime lens in inglese) è un obiettivo che si contrappone all'obiettivo con zoom e viene indicato da un singolo numero seguito dall'unità di misura: es. un 24mm, 85mm, ecc.

Acquisizione di skill

Usare di una lente di questo tipo ci obbliga a seguire un approccio più ponderato prima di scattare una foto: nella nostra testa infatti componiamo l'immagine e prima dello scatto dobbiamo spostarci fisicamente per trovare l'angolo giusto, la luce migliore o l'altezza esatta per aggiustare tutte le altre variabili in gioco.

Utilizzare il nostro corpo per trovare lo scatto perfetto, ci permette di "entrare in sintonia" con la macchina fotografica. Se invece appartenete a quella categoria di persone che vuole puntare e scattare senza un minimo di impegno, una prime lens non fa per voi.

Apertura e nitidezza

Gli obiettivi a focale fissa richiedono meno meccanismi interni rispetto a uno zoom, pertanto la semplicità costruttiva si trasforma in qualità più elevata e maggiore nitidezza (ovviamente prendendo in considerazione la stessa categoria di lenti: uno zoom professionale da 2000€ ha una nitidezza più elevata rispetto a un obiettivo a focale fissa da 150€).

L'apertura gioca un ruolo fondamentale quando si tratta di isolare un soggetto rispetto allo sfondo. Per ottenere uno sfondo sfocato infatti bisogna utilizzare valori molto bassi di apertura (f/1.4, f/1.8, ecc). Generalmente gli zoom della stessa fascia di prezzo, coprono intervalli di valori che partono da f/3.5 fino a f/5. Una lente a focale fissa permette di raggiungere valori di apertura più bassi (che corrispondono a un'apertura più ampia, ma di questo ne parleremo in un articolo dedicato).

Costo, dimensioni e ingombro

Gestire uno zoom di qualità richiede una tecnologia costruttiva sicuramente più complessa, che si ripercuote sul prezzo finale. Optare per una prime lens ci permetterà un notevole risparmio economico. Inoltre sono meno suscettibili di malfunzionamenti, soprattutto sull'usato: mi è capitato di trovare un paio di obiettivi dove la ghiera dello zoom era molto "morbida", e lasciando la fotocamera penzoloni, la focale cambiava "da sola".

Più il sistema di lenti è semplice e meno spazio viene occupato dall'obiettivo. Maggiore compattezza significa anche minor peso e vi assicuro che lavorare con quasi tre kg appesi al collo o in mano non è così semplice.

Svantaggi

Dopo aver elogiato abbastanza la categoria, passiamo ai contro: innanzitutto per coprire varie focali, dovete acquistare gli obiettivi corrispondenti.

Ci sono situazioni dove avere uno zoom permette di lavorare meglio, soprattutto quando bisogna cogliere il momento e non c'è tempo materiale per cambiare ogni volta obiettivo. Ho visto fotografi professionisti cambiare obiettivo in meno di dieci secondi con una mano sola, ma non è il mio caso. Quando devo fotografare un evento, preferisco avere maggiore flessibilità, perché uno scatto mancato può fare la differenza tra un buon lavoro e uno pessimo.

Trasportare più obiettivi (e tutti gli accessori indispensabili) equivale ad avere uno zaino o una borsa spaziosi, altrimenti dovrete decidere cosa sacrificare ogni volta che uscirete per una sessione di scatti. Io personalmente prediligo gli zaini dove posso organizzare i vari scomparti.

Il mio consiglio è quello di avere nel proprio corredo almeno un paio di prime lens, in funzione del proprio ambito di lavoro. Andare sull'usato è un'ottima scelta, come ho già detto si trovano belle occasioni. Se non avete mai avuto modo di provarne una, fatevela prestare da qualcuno o andate a fare un salto dal vostro fotografo di fiducia. Non ne rimarrete delusi.