Perché bisogna ampliare la propria attrezzatura fotografica

Chi si avvicina al mondo della fotografia infatti si ferma all'acquisto del classico kit: corpo macchina + obiettivo zoom standard e borsa a tracolla. Le persone più motivate acquistano anche un piccolo manuale. Dopo aver scattato qualche migliaio di foto, ci si rende però conto che sembrano tutte uguali, manca qualcosa in più.

Con il tempo ho imparato che investire in attrezzatura fotografica, è uno dei passi indispensabili per realizzare scatti fuori dall'ordinario.

Piccola premessa: attrezzatura costosa o una reflex da migliaia di euro non rendeno automaticamente fotografi. Fare il fotografo è un'attitudine, è la voglia di scoprire, sperimentare, studiare e scattare. Ci sono grandi reportage realizzati con compatte e smartphone. Il canale DigitalRev ha pubblicato una serie di video dove sfidano fotografi di alto livello, a utilizzare fotocamere di bassissimo costo o giocattoli per scattare. I risultati sono comunque impressionanti.

Canon 85mm f/1.8 USM

Per attrezzatura intendo il corredo fotografico dato dall'insieme di accessori utili per il proprio lavoro. Svilupparne uno richiede tempo e soprattutto denaro. Ci possono volere anni prima di ottenere qualcosa di valido, però all'inizio si può partire investendo anche cifre modiche.

La prima importantissima domanda che bisogna porsi è: "Cosa desidero fotografare?". In funzione della risposta, possiamo iniziare il nostro percorso.

Vediamo una sfilza di accessori presi a casaccio (in post futuri esamineremo nel dettaglio qualcuno di essi):

  • Obiettivi
  • Kit di illuminazione (Flash, Lampade a luce continua, stativi, softbox, faretti)
  • Esposimetro esterno
  • Memory Card
  • Filtri e portrafiltri
  • Batterie
  • Cinghie
  • Telecomando o scatto flessibile
  • Kit di pulizia
  • Borse, Zaini, Valigette imbottite
  • Monopiedi e Treppiedi, Treppiedi da tavolo
  • Ricevitori, Trasmettitori e cavetteria
  • Tappi e paraluci
  • Kit per lo sviluppo dei rullini